Possono usufruire dei servizi offerti dall’Emporio prevalentemente nuclei familiari, italiani e stranieri, con  presenza  di  minori  e anche  singole  persone, residenti  e/o domiciliati alla data di presentazione della domanda di accesso ai servizi, nel comune di Lecce nell’area definita “CENTRO STORICO”  ( e solo in casi di particolari di estrema indigenza, accertata dal parroco della parrocchia di appartenenza anche  fuori dal centro storico e/o della provincial), che versino in condizione di reale difficoltà e disagio familiare, lavorativo, economico e/o sociale.

I destinatari, quindi, sono coloro che si trovano in temporanea difficoltà e disagio e che non riescono a sopperire alle loro primarie necessità. A costoro l'Emporio intende offrire una possibilità concreta per superare la situazione di “crisi” e consentire, quindi, di aumentare il proprio livello di empowerment.

Per tali motivi gli interventi sono offerti per un periodo di tempo limitato che puo’ variare da un minimo di un mese all’anno e con l'obiettivo generale di rendere tali nuclei familiari maggiormente autonomi ed integrati.

ART. 3 – Modalità di presentazione della domanda di accesso ai servizi

I soggetti che intendono richiedere i servizi offerti dall'Emporio Solidale, dovranno presentare una domanda  redatta  rispettando  il  formulario  di  cui  all’allegato  “17”,  corredandola  dei  seguenti documenti:

  • Attestazione ISEE con relativi allegati (la soglia massima di reddito complessivo verrà stabilita dal Comitato di Valutazione e potrà subire variazioni nel corso del tempo);
  • Stato di famiglia;
  • Copia del documento d'identità dell’intestatario di ogni singolo componente della famiglia
  • Copia del codice fiscalie dell’Intestatario e di ogni singolo componente della famiglia
  • Anagrafica nucleo familiare da compilare anche online
  • Allegato 13.1 Attestato privacy

La domanda dovrà essere presentata presso i Front Office, abilitati e riconosciuti a tale scopo dal

Comitato Strategico dell'Emporio Solidale.

La consegna di norma sarà manuale e solo in casi eccezionali e motivati potrà avvenire attraverso spedizione postale.

In caso di consegna manuale, gli addetti al ritiro della domanda verificano la completezza della documentazione allegata e rigettano quelle incomplete, invitando il richiedente ad integrare l'istanza con gli elementi mancanti.

Possono  divenire  Front  Office  preposti  al  ricevimento  delle  domande  di  accesso  ai  servizi dell’Emporio:

  1. -     Il Centro di Ascolto dell’Emporio;
  2. -     I Centri di Ascolto della Caritas Diocesana di Lecce;
  3. -     Direttamente on-line compilando il modulo apposito , allegando documentazione:   

edit f2

 

I Front Office abilitati al ricevimento delle domande potranno inoltre svolgere servizio informativo.

Il Comitato Strategico dell’Emporio Solidale potrà individuare altri enti, uffici e/o organismi da

abilitare e riconoscere quali Front Office dell’Emporio.

Sarà cura dei responsabili dei Front Office far pervenire copia delle summenzionate domande, corredate della relativa documentazione, al Comitato di Valutazione che ha sede c/o l’Emporio Solidale Caritas di via Adua 2/a, Lecce.

L’elenco  dei  Front  Office,  riconosciuti  e  abilitati  dal  Comitato  Strategico,  completo  con l’indicazione del/la responsabile, sarà trasmesso periodicamente al Comitato di Valutazione, costituendo parte integrante del presente regolamento.

ART. 4 – Valutazione preliminare delle domande

Le domande pervenute saranno sottoposte ad una valutazione preliminare, da parte dei responsabili dei Front Office,  per accertare la completezza e la veridicità delle informazioni fornite e per un primo esame sull'ammissibilità del nucleo familiare ai servizi offerti dall'Emporio.

In caso di accertata falsità delle dichiarazioni e delle informazioni rese, l'istanza viene rigettata in via definitiva.

Per quanto riguarda i particolari sul reddito di accesso si puo consultare in seguente modulo informativo - CHIARIMENTI REDDITO -